Il CSKA dei giovani vince d’esperienza e mette pressione alle altre

Ahmetov CSKA
L’ucraino Kulakov cerca di rubare palla ad Akhmetov…senza successo. (Facebook CSKA Moscow)

Grazie ad un’incornata di Mario Fernandes i ragazzi di Goncharenko espugnano il campo dell’Ural e attendono i risultati delle dirette rivali, le quali domani si sfideranno tra di loro.

Tifare alle concittadine per accorciare il distacco dalle prime due posizioni oppure sperare nell’esatto contrario, in modo da consolidare, almeno, il gradino più basso del podio? In attesa degli ultimi incontri del ventesimo turno (Lokomotiv-Krasnodar e Spartak-Zenit) che delineeranno in maniera più definita gli scenari della parte conclusiva della stagione, il CSKA può festeggiare tre punti tutt’altro che banali contro l’Ural. I rossoblù si stanno disimpegnando alla grande lontano dalla capitale: eccetto la sconfitta nell’ultima trasferta, sul neutro di Grozny con l’Arsenal, i vicecampioni di Russia hanno totalizzato lontano da casa venti punti in nove partite.

Il lungo viaggio fino ai monti Urali nascondeva molte insidie, più per il valore dell’avversario che per il fattore campo: l’Ural, infatti, ha già giocato undici volte tra le mura amiche, con un attivo di soli tredici punti dovuto anche ad un inizio alquanto stentato. Gli arancioneri sono in semifinale di coppa ma non possono permettersi di snobbare il campionato, visto che attualmente sarebbero costretti ai play out. Una situazione forse imprevista per una squadra che da qualche anno è diventata una realtà stabile del panorama calcistico nazionale, supportata dalla rilevanza di Ekaterinburg, il terzo centro più popoloso del paese. Ma la crisi, ormai, è ufficiale: nelle ultime cinque gare l’Ural ha ottenuto un solo punto, un momento di impasse che ha smorzato un bellissimo filotto di tre successi consecutivi (di cui due a Mosca, contro Spartak e Lokomotiv).

L’assenza del romeno Bikfalvi, infortunatosi durante il riscaldamento, non ha poi agevolato i padroni di casa, bravi comunque ad evitare di farsi investire dalla freschezza offensiva avversaria. È risultato decisivo un piccolo calo nella ripresa, che il CSKA ha concretizzato con il colpo di testa vincente di Fernandes, per certi versi simile al suo gol nella porta dello Croazia agli scorsi mondiali. Non impressiona ma vince d’autorità, da grande squadra: il CSKA è pronto ad effettuare uno step successivo nella ricerca della definitiva maturità di un gruppo molto giovane e promettente.

Si complica la vita, invece, la Dinamo Mosca, che esce sconfitta di misura dalla sfida sul campo dell’Orenburg. Per la compagine guidata da Fedotov, autrice di un autunno di assoluto livello, sono punti pesanti in chiave salvezza, soprattutto dopo la coltre di fumo che ha avvolto staff tecnico e dirigenza durante la pausa. L’Arsenal Tula rispetta il pronostico e regola all’inglese l’Enisej Krasnojarsk: per i siberiani, adesso, neanche un miracolo sembra sufficiente per salvare la categoria, mentre i ragazzi di Cherevchenko mettono altro fieno in cascina per provare a concentrarsi soltanto sulla semifinale di coppa. Chiude il programma di questo sabato la sfida tra Rubin Kazan e Rostov, una sorta di derby per Kurban Berdyev, attualmente allenatore dei granata. Vincono gli ospiti, che interrompono una striscia di sette incontri senza successi grazie alla doppietta di un redivivo Eremenko. Il finlandese, squalificato per aver assunto cocaina, non segnava addirittura dal 2016.

20°Giornata-I tabellini

ORENBURG-DINAMO MOSCA 1-0

ORENBURG: Frolov, Andreev, Begic, Oyevole, Terekhov, Malykh, Miskic, Breev (50’ st Chirkin), Popovic (34’ st Afonin), Sutormin, Despotovic (38’ st An. Kozlov). (Dovbnja, Rudenko, Sivakov, Malyarov, Bidlovskij, Kulishev, Galadzhan, Chukanov). All. Fedotov.

DINAMO MOSCA: Shunin, Al. Kozlov, Shunic, Morozov, Holmen (29’ st Evgenyev), Chernykh (22’ st Grulev), Joaozinho, Tetteh, Yusupov, Lutsenko, Markov. (Leschuk, Raush, Cardozo, Sow, Panchenko). All. Khokhlov.

Arbitro: Sergej Ivanov di Rostov-na-Donu

Rete: 7’ st Despotovic

Ammoniti: Chernykh, Begic, Breev, Holmen, Despotovic, Andreev, Lutsenko, Tetteh, Popovic

Note: 3850 spettatori.

URAL EKATERINBURG-CSKA MOSCA 0-1

URAL: Godzyur, Merkulov (1’ st Bryzgalov), Strandberg, Polyakov, Kulakov, Bumal, Dimitrov (40’ st Aroyan), El Kabir, Egorychev, Aratore, Pogrebnyak (24’ st Panyukov). (Baklov, Dinga, Balazic, Dantsev, Shanbiev, Fidler, Bavin, Katric). All. Parfenov

CSKA: Akinfeev, Diveev, Bekao, Magnusson (9’ st Nababkin), Schennikov (38’ st Bistrovic), Fernandes, Akhmetov, Oblyakov, Vlasic, Chalov, Nishimura (16’ st Sigurdsson). (Kyrnats, Pomazun, Tiknizyan, Bijol, Efremov). All. Goncharenko

Arbitro: Vladislav Bezborodov di San Pietroburgo

Rete: 30’ st Fernandes

Ammoniti: Magnusson, Bumal, Diveev, Nababkin

Note: 17113 spettatori.

RUBIN KAZAN-ROSTOV 0-2

RUBIN: Baburin, Granat (46’ st Panteleev), Uremovic, Sorokin, Ustinov, Tsallagov, Podberezkin, Mogilevets, Ig. Konovalov, Bukharov, Poloz. (Iv. Konovalov, Tushev, Stepanov, Mikushin, Agapov, Abdullin, Akbashev, Saprunov). All. Berdyev.

ROSTOV: Pesjakov, Logashov, Mevlija, Sigurdsson, Parshivlyuk, Chernov, Gatskan, Zajnutdinov (29’ st Zuev), Eremenko, Ionov (30’ st Popov), Sigurdarson (21’ st Shomurodov). (Abaev, Pliev, Hadzhikadunic, Glebov, Schadin, Normann). All. Karpin.

Arbitro: Sergej Lapochkin di San Pietroburgo

Reti: 38’ st, 44’ st Eremenko

Ammoniti: Eremenko, Zajnutdinov.

Note: 5101 spettatori.

ARSENAL TULA-ENISEJ KRASNOJARSK 2-0

ARSENAL: Levashov, Beljaev, Grigalava, Alvarez, Mohammed, Kombarov, Tkachev (37’ st Kostadinov), Mirzov, Gorbatenko (44’ st Berkhamov), Kanga, Djordjevic (45’ st Adzhoev). (Shamov, Nigmatullin, Khagush, Volodko, Kone, Lesovoj, Ozegovic). All. Cherevchenko.

ENISEJ: Yurchenko, Gadzhibekov, Gritsaenko, Yatchenko, Danchenko, Sarr, Savichev (1’ st Sobolev), Ogude, Zotov (1’ st Sarkisov), Khubulov (36’ st Komkov), Kutin. (Nesterenko, Edapin, Kichin, Zanev, Rozhkov, Torbinskij, Kostyukov, Komolov, Semakin). All. Alenichev.

Arbitro: Vasilij Kazartsev di San Pietroburgo

Reti: 29’ pt Mirzov, 43’ st Gorbatenko

Ammoniti: Djordjevic, Savichev, Gorbatenko, Tkachev, Yatchenko, Levashov

Note: 8957 spettatori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...