Il Lokomotiv si appresta a compiere un nuovo viaggio

LokoReduce da una campagna europea davvero deludente, il club moscovita punta a rifarsi. Gli avversari, però, quest’anno sono decisamente più probanti e la trasferta di stasera a Leverkusen rappresenta già un termometro importante per testare le proprie velleità.

La Russia nel destino del Bayer. Eliminati lo scorso inverno dal Krasnodar senza mai perdere, i tedeschi ripartono ancora da una squadra del nostro campionato, il Lokomotiv, per cercare di mettere zizzania in un raggruppamento che vede queste due compagini, almeno alla vigilia, nelle posizioni più basse della scala gerarchica. Un match quindi decisivo per entrambe, nonostante siamo soltanto alla giornata d’apertura.

I ferrovieri si riaffacciano alla Champions League con tanta voglia di rivalsa dopo il pessimo quarto posto ottenuto nel 2018 contro avversari alla portata, ovvero Porto, Schalke e Galatasaray. Il sorteggio, stavolta, anche in virtù della mancata assegnazione della testa di serie, è stato molto meno magnanimo: Juventus, Atletico Madrid e, appunto, Bayer. Pescare peggio era quasi impossibile. Ma gli uomini di Semin vogliono provare ugualmente a sorprendere, cercando di evitare a tutti i costi un ruolo da mera comparsa.

L’infermeria, purtroppo, non aiuta i piani dei moscoviti, costretti a salutare per diverso tempo i gemelli Miranchuk (Anton non toccherà più un pallone fino al 2020), Howedes e Farfan. Molto dipenderà dunque dalle prestazioni di Krychowyak, vero e proprio pilastro del centrocampo, e dall’apporto offensivo di Smolov. Senza dimenticare l’ultimo arrivato, il portoghese Joao Mario che in coppia col connazionale Eder proverà a non far rimpiangere le assenze.

Il Lokomotiv, proprio come ieri lo Zenit, si ritrova ad affrontare fuori casa un club di buonissima tradizione europea e, come il club di San Pietroburgo, ha le capacità per ottenere un risultato positivo. L’unica differenza con i campioni di Russia è il resto del cammino, ben più complicato, che quindi aumenta il valore della gara in terra teutonica. Curiosamente, i ferrovieri hanno disputato l’ultima gara europea proprio in Germania, analogamente a quanto accaduto, con tragitto inverso come citato in precedenza, al Bayer. I binari russo-tedeschi continuano a incrociarsi, ma adesso non c’è più spazio per deragliare: chi fallisce stasera ha già una ruota nel burrone.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...