Il Khimki rischia il tracollo finanziario

KhimkiGrazie al secondo posto ottenuto prima della sospensione dei campionati il Khimki si è guadagnato il diritto di partecipare alla massima serie dopo oltre un decennio. Il club rossonero, però, versa in condizioni davvero critiche: qualora non dovesse trovare uno sponsor principale entro la fine di maggio il Khimki sarà costretto a salutare sia RPL che FNL, e si iscriverà alla PFL a meno di una complicata fusione col Rodina che potrebbe ulteriormente scombussolare i piani.

E’ durata poco la festa promozione in casa Khimki: la procedura per l’ottenimento della licenza per la massima serie, infatti, è ancora in alto mare. La società rossonera, seconda in FNL soltanto in virtù degli scontri diretti col Chertanovo, ha pressato molto i vertici del calcio russo per non continuare la stagione; una scelta, logica, che sembrava confermare la volontà del Khimki di salire di categoria, ma le finanze del club non danno garanzie per il futuro.

La situazione è seria e accertata. “La regione di Mosca è una delle più colpite dal Coronavirus” afferma l’assessore locale allo sport, Aleksandr Eremin. “Oltre un certo limite non possiamo aiutare il calcio. Senza uno sponsor di spessore disputare la RPL è praticamente impossibile”. Non c’è molto tempo, però, per trovare qualcuno che investa per la causa: per i primi di giugno bisognerà prendere una decisione definitiva. Uno dei membri del direttivo del club, Aleksandr Volnushkin, è ancora più netto. “Credo che la PFL sia la variante migliore. Ho proposto alla società due aziende disponibili ad aiutarci, ma a quanto pare non è stato trovato nessun accordo. Gli investitori volevano comprare del tutto la società, ma il governorato non ha accettato”

Quali scenari si prospettano per il Khimki? In primo luogo, in caso di mancata iscrizione alla RPL il posto vacante verrà preso dalla quindicesima dell’attuale campionato. Doppia beffa, quindi, per il Chertanovo. Se il Khimki non dovesse riuscire a disputare nemmeno la FNL non è da escludere una fusione col Rodina, il cui proprietario, Sergey Lomakin, è presidente dell’Fc Riga. L’idea dell’unione coinvolge anche altre squadre nelle vicinanze: secondo le ultime notizie Dolgoprudny e Olimp metteranno assieme le proprie forze per partecipare alla prossima FNL. A capo della nuova società ci dovrebbe essere l’ex portiere Vladimir Gabulov mentre in panchina la scelta pare sia ricaduta su Rinat Bilyaletdinov.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...